Nella notte tra lunedì e martedì nel nucleo industriale di Avezzano si è sviluppato un vasto incendio che ha distrutto il centro di raccolta Casinelli di via Newton. Un danno enorme per l’azienda e per il territorio che ora dovrà fare a meno di un’importante struttura che negli anni ha contribuito al miglioramento della raccolta differenziata.

Le fiamme hanno raggiunto anche la vicina Italsav di Berto Savina arrecando molti danni alla struttura. Due grandi e affermate realtà del territorio che in poche ore hanno visto andare in fumo il lavoro di una vita.

A loro è andato il pensiero del presidente di Tekneko, Umberto Di Carlo, che non appena saputo dell’accaduto si è recato negli uffici dell’azienda a due passi dai siti in fiamme.

“E’ andata in fumo un’attività che insieme a noi ha contributo a portare la Marsica su livelli di raccolta differenziata inimmaginabili”, ha commentato Di Carlo, “e purtroppo con essa sono andati in fumo 30 posti di lavoro. All’amico Casinelli va tutta la mia solidarietà e vicinanza.

Un altro amico imprenditore, Berto Savina, ha subito ingenti danni alla sua attività confinante con il centro di raccolta. Anche a lui va la mia solidarietà e vicinanza. Le imprese sono un bene sociale per il territorio e vanno difese”.